IL MADE IN ITALY DILAGA l’export italiano di armi 61 % in più

 
articolo di Luca Galassi    da  peacereporter

Tecnicamente viene chiamata ‘tendenza espansiva’. O ‘vitalità del settore’. In parole povere, l’export di armi italiano nel 2006 è cresciuto del 61 per cento rispetto al 2005, con una quota di 2,19 miliardi di euro che rappresenta il record degli ultimi vent’anni. A renderlo noto è la relazione preliminare del governo sull’export delle armi resa nota al Parlamento all’inizio del mese. Un cannone prodotto dalla Oto MelaraLe promesse dell’Unione. Le esportazioni di elicotteri, missili, bombe e via dicendo, hanno fatto segnare un incremento anche nelle autorizzazioni alle trattative contrattuali rilasciate dallo stesso governo: 2.192 rispetto a 1.929 nel 2005 e 1.815 nel 2004. Non è detto che tutte le trattative si concretizzino nella stipula di contratti, ma gli analisti sono concordi nel ritenere che, sempre in termini tecnici, ‘si è estrinsecato un ritrovato dinamismo in un ambito internazionale caratterizzato da una elevatissima concorrenza’. L’ottimismo degli economisti – e dei produttori – si scontra con la delusione di quanti hanno votato il governo Prodi pensando ad un cambiamento di rotta rispetto al precedente esecutivo, anche alla luce del programma elettorale, con il quale l’Unione si impegnava, “nell’ambito della cooperazione europea, a sostenere una politica che consenta la riduzione delle spese per armamenti”. Impegni disattesi.

Misssili durante un lancioLe dieci ‘sorelle’. Delle prime dieci aziende, infatti, sette fanno parte di Finmeccanica, di cui lo Stato italiano è il principale azionista. Nelle esportazioni l’Agusta fa la parte del leone, con 810 milioni di euro, seguita da Alenia, Oto Melara, AVio, Lital, Selex Sistemi Integrati, Aermacchi, Alcatel Alenia, Iveco e Galileo Avionica. Gli armamenti italiani hanno come destinazione gli Stati Uniti, che con l’acquisto del ‘Marine One’, ovvero l’elicottero presidenziale fornito dall’Agusta-Westland, coprono da soli il 38 per cento delle esportazioni con un importo di 810 milioni di euro. Secondi sono gli Emirati Arabi Uniti, che comprano armi italiane per 338 milioni di euro.

Visore notturnoL’esperto. Francesco Vignarca, coordinatore della Rete per il disarmo, parla di un aumento preoccupante. “Una preoccupazione – ha spiegato a PeaceReporter – che deriva anche dall’aver scoperto che, mentre prima si credeva che dagli anni ’90 ad oggi ci fosse stata una discesa e una risalita dell’export, spiegata con l’andamento del mercato, in realtà c’è stato un aumento continuo. Ciò a causa di un errore nell’applicazione del tasso di inflazione. Poi, va considerata la destinazione delle armi. Fatta eccezione per gli Usa, i destinatari sono Emirati, Nigeria, India, Pakistan, Oman, Paesi poco stabili, che per loro natura o per la loro legislazione non danno alcuna sicurezza che le armi rimangano lì. La relazione del governo ci dice la destinazione delle armi di grosse dimensioni, ma non parla di quelle leggere. Armi leggere, apparecchiature di piccolo calibro e materiale tecnologico possono pertanto essere ‘triangolati’, cioè partire da qui e arrivare in un Paese terzo, come accadde due anni fa ai visori notturni della Galileo, che sono finiti in Iraq passando per la Siria”.

Banche ‘armate’. Le banche sono da sempre al centro delle operazioni di vendita di armi. Il ministero delle Finanze ha rilasciato il 6 per cento in più delle autorizzazioni di pagamento, dando l’ok a 930 transazioni (erano 876 nel 2005). Quasi la metà delle transazioni per le esportazioni definitive è stata negoziata da due istituti di credito: Bnp Paribas (con il 19,47 per cento) e San Paolo-Imi (con il 29,93 per cento). Quest’ultima ha triplicato il suo volume d’affari, passando dai 164 milioni di pagamenti ricevuti nel 2005 a più di 446 milioni nel 2006.
Ho trovato questo articolo sul sito di peacereporter e mi ha subito fatto stare bene.

articolo di Moricemarcuse (dopo aver letto questo articolo mi son lasciato andare con un epiteto)

grazie ad una strategia di mercato mirata, l’economia italiana sta rinascendo e questo è uno dei migliori biglietti da visita per il nostro paese pacifista e civilizato post guerrafredda per il mondo intero.

Certo non saremo ai livelli del mercato globale delle armi Americano ma stiamo lavorando per voi, il muro delle lobby e degli affari che sembrava sgretolarsi dopo gli avenimenti di intere città in lotta per un paio di baracche per dei nobili Americani i nuovi crociati della liberta, uomini e donne che dai ghetti americani e dai campus delle famosissime universita dei poveri hanno visto la luce, la possibilità di redimersi da una vita di alcool bulli e pupe per la nobile causa di portare la PACE ARMATA NEL MONDO, il muro ha retto anzi si è rinforzato del 61%.

Grazie Grazie GrazieGrazie Grazie GrazieGrazie Grazie GrazieGrazie Grazie Grazie il MADE IN ITALY DILAGA

ORA POSSIAMO DIRE PRIDE TO BE ITALIANS

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: